25 agosto 2008

Goli Otok, Jugoslavia 1948 - Croazia 2008

Goli Otok è l'isola-lager dove Tito spediva i prigionieri politici (soprattutto comunisti filo-sovietici, addirittura ex-dirigenti dello stesso PC Jugoslavo oltre ai fascisti) sottoponendoli a un regime carcerario durissimo, fatto di soprusi, di torture e sopraffazione, costringendo i detenuti a camminare scalzi su rocce acuminate e a punire i loro stessi compagni di pena.

Giampaolo Pansa ha tracciato nel libro Prigionieri del silenzo la storia di Andrea Scano, un soldato rosso, passato per l'inferno di Goli Otok. Qualche giorno fa ho avuto modo di vistare, seppur per un arco di tempo limitatissimo, questa isola; ho scattato alcune fotografie. Ad oggi l'isola è abbandonata, vi sono i resti dei luoghi di detenzione, purtoppo "preda" di pecore portate lì per pascolare e che deturpano un luogo che va conservato, per mantenere memoria storica di quanto è successo, perché non succeda più.

Riporto queste fotografie (cliccare per ingrandire) come commento alla poesia scritta poco prima di morire da Andrea Scano, dedicata a sua nipote, a proposito di questo posto e pubblicata postuma sul libro di Giampaolo Pansa. Il titolo, originariamente assente, è stato assegnato da Pansa.

Triste il destino di Scano e dei suoi compagni di sventura: tornati in libertà e costretti al silenzo, perché da un lato taceva il PCI, per non gettare fango su uno stato comunista, pur se a loro contrapposto; dall'altro taceva anche la DC per non gettare fango sul Tito filo-occidentale e quindi su uno stato contrapposto al PCI ed al Cominform.

Un'ampia documentazione fotografica su Goli Otok è presente sul sito www.goli-otok.com

La pioggia di sangue

Se è all'inferno che sono destinato,
non preoccupatevi per me
c
he già ci sono stato!
Oggi ti vedo triste e preoccupata.
In silenzio ti osservo,
da quando s
ei entrata.
Gli occhi tri
sti, il mento sulle mani,
forse cerchi le parole per dirmi
che per me non c'è domani.
Per distrarti
faccio anche il buffone.
Diventi rossa,
a stento trattieni il tuo magone.
Cosa ha oggi la mia nipote preferita?
Tu mi rispondi:
sono stanc
a della vita!
È giunta l'or
a che non avrei voluto mai
di raccontarti una storia che non sai.
C'è un isola deserta
in mezzo al lare.
Io ne conosco il nome,
ma non ti dirò quale.

C'è un isola
Che ricorderò in eterno.
È l'isola del male.
E la chiamerò Inferno.
In fila indiana ci hanno accompagnati
con pugni e calci ci hanno massacrati.
Alzamm
o gli occhi per guardare i nemici.
Sbigottiti, scoprimmo che erano nostri amici.
Du
e file eran di uomini.
In mezzo dov
evamo passare.
Gli ordini dicevano:
li dovete massacrare.
Molti di loro fingevano
troppi di loro godevano.
E non distingui più gli amici dai nemici.
Non si distingue più l'odio dall'amore.
Non bruciano il tuo corpo, ma il tuo onore.
Non è il tuo corpo a essere bruciato.
A vivere esso è condannato.
Non conosco le parole
per desc
rivere a te
la vita s
u quell'isola che non sai dov'è.
Ma se per caso un giorno
qualcuno parlerà,
un coraggioso più di me,
scoprirai dov'è e ci andrai.
Guarda il cielo e copriti.
Una piog
gia di sangue
potrebbe bagnarti.
Una pioggia di sangue
sull'isola cadrà.
E se l'inferno voi volete visitare
è su
quell'isola che dovete andare.
Passati sono orami tant'anni,
ma sono sicuro che
quando la bora soffia
porterà con sé,
pi
ù in alto che potrà,
una pioggia di sangue
che sull'isola cadrà.

E venne un giorno che a Fiume ritornai.
Cadavere vive
nte,
passavo tra la gente.
Questo per dire a te
che tu non puoi e non devi
stancarti della vita
a cui tanto tenevi.
Tutto qu
ello che so
io non lo volli dire.
Andò in pezzi la mia anima
e tutto il mio ardire!

Andrea Scano, maggio 1980

5 commenti:

mastrocigliegia ha detto...

Grazie.
Ottimo post.
Non sapevo dell'esistenza di questo ennesimo lager (forse anche per colpa mia) e hai fatto bene a parlarne.
E dire che anni fa (c'era ancora Tito) ero stato in Slovenia (allora ancora Iugoslavia), e mai mi sono immaginato che avevo avuto a poche decine di chilometri un tale inferno.

Purtroppo, credere che conservare simili luoghi possa impedire che queste cose accadano di nuovo, richiede un ottimismo che mi manca. (ho visto nel tour del sito che hai segnalato che c'è una data del 1988, quando Auschwitz già da tempo testimoniava l'orrore nazista.

Ma almeno può servire a ricordare e onorare chi ci è passato e forse rimasto.

mc

markogts ha detto...

Cerchiamo però di mantenere le proporzioni: a Goli Otok si stima che i prigionieri siano stati nell'ordine di qualche migliaio. Il grosso dei prigionieri era composto da stalinisti caduti in disgrazia all'epoca dello strappo di Tito da Mosca.

Per quanto riguarda l'immediato dopoguerra, segnalo anche il campo di concentramento di Borovnica, pochi km a sud di Lubiana, dove finirono molte camicie nere a cavallo della fine della guerra (uno per tutti, il papà di Paolo Rossi, che ci ha scritto anche un libro).

Se da un lato mi dà molto fastidio l'utilizzo propagandistico che si fa di questi eventi, dall'altro ne provo altrettanto quando vedo, nell'ex Jugoslavia, totale disattenzione sull'argomento. Né a Goli Otok, né Borovnica sono segnalati come dovrebbero.

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
theDRaKKaR ha detto...

@mastro

credere che conservare simili luoghi possa impedire che queste cose accadano di nuovo, richiede un ottimismo

non si conservano per impedire che queste cose accadano di nuovo, ma per non dimenticare che sono accadute!

@marko

Cerchiamo però di mantenere le proporzioni

fare la classifica è veramente inutile: i nazisti e i sovietici hanno ucciso più dei titini solo per mere questioni dimensionali. Ma che importa? Cancelliamo questo discorso quantitativo. Non ci deve interessare quanti questi mostri sono riusciti a uccidere, anche se fosse stato solo uno, morto lì dentro, la faccenda non cambia: è il senso di quel posto ad essere mostruoso.

Se da un lato mi dà molto fastidio l'utilizzo propagandistico che si fa di questi eventi

Il fastidio caro marko è stato solo nel vedere per decenni mitizzata una ideologia mostruosa tanto quanto il nazismo e il fascismo.
Io, che sono lontano da entrambi i versanti, posso dirti con assoluta tranquillità che Mussolini, Stalin, Tito e Hitler (per non parlare di altri) hanno lo stesso posto nel mio cuore: fuori. Bene fanno gli studiosi a raccontare le atrocità senza omissioni: nascondere e sminuire le foibe ha e ha avuto lo stesso valore che nascondere o sminuire l'eccidio delle fosse ardeatine. Si chiama negazionismo. Il negazionismo di cui è stata responsabile la sinistra italiana è vergognoso, fa vomitare.
Infine la strumentalizzazione delle foibe, che esiste, è come la strumentalizzazione dell'olocausto, che pure esiste: sono entrambe terribili, ma sono ALTRO rispetto alle foibe e all'olocausto, né sminuiscono o cancellano queste abominevoli tragedie. È una faccenda che va tenuta separata dalla valutazione di Goli Otok e di Mauthausen.

蔡健雅Tata ha detto...

cool!i love it!情色遊戲,情色a片,情色網,性愛自拍,美女寫真,亂倫,戀愛ING,免費視訊聊天,視訊聊天,成人短片,美女交友,美女遊戲,18禁,三級片,自拍,後宮電影院,85cc,免費影片,線上遊戲,色情遊戲,日本a片,美女,成人圖片區,avdvd,色情遊戲,情色貼圖,女優,偷拍,情色視訊,愛情小說,85cc成人片,成人貼圖站,成人論壇,080聊天室,080苗栗人聊天室,免費a片,視訊美女,視訊做愛,免費視訊,伊莉討論區,sogo論壇,台灣論壇,plus論壇,維克斯論壇,情色論壇,性感影片,正妹,走光,色遊戲,情色自拍,kk俱樂部,好玩遊戲,免費遊戲,貼圖區,好玩遊戲區,中部人聊天室,情色視訊聊天室,聊天室ut,做愛